homepage bacheca, amici e ora... su di me pagina free scrivimi - mail 1 mi hanno scritto 1 Ezio Santiago2008 2 Ezio Santiago2008 3 Ezio Santiago2008 4 Ezio Santiago2008 5 Ezio Santiago2008 6 Ezio Santiago2008 7 Ezio Santiago2008 8 Ezio Santiago2008 1 diario Santiago2007 2 diario Santiago2007 3 diario Santiago2007 4 diario Santiago2007 5 diario Santiago2007 6 diario Santiago2007 7 diario Santiago2007 8 diario Santiago2007 pg 1 su di me pg 2 su di me pg 1 visiva 1 Bangla 2010 2 Bangla 2010 3 Bangla 2010 4 Bangla 2010 5 Bangla 2010 6 Bangla 2010 7 Bangla 2010 8 bangla video 2010 1 camm.nord 2009 1 bangla 2011 2 bangla 2011 3 bangla 2011 4 bangla 2011 5 bangla video 2011 

3 Ezio Santiago2008

Ezio il 28 lug 2008, 15:49 28-7Un'idea dei vari pellegrini: ci sono i rapidi che partono prima delle 6 e vantono oltre 35 km al giorno, quelli delle 6,30 e questi li incontri continuamente e fai amicizia e li ritrovi alle funzioni poi quelli che lasci ancora pacificamente sulla branda, non ti superano mai e arrivano primi e sono freschi e riposati, strano!. Inoltre noto che pochissimi hanno spirito pellegrino. Di questo parlero' piu' avanti.A Granon gli hospitaleri mi accolgono con calore ed essendo il secondo italiano arrivato e' obbligo cucinare per tutti: Cosi' alla sera aiuto Dany a preparare pasta e pomodoro, visto il successo, nel libro degli ospiti scrivero' che due pellegrinipersempre hanno sfamato 62 persone.In questo rifugio posto nella vecchia parrocchiale si dorme in terra, luogo molto spartano e spirito veramente pellegrino. Alle 10 nella chiesetta vicino un ritiro per pellegrini molto suggestivo, emozionante che non dimentichero' mai, tante lingue parlate e tutte chiaramente capite.(nota dolente: a cena eravamo in 62, al ritiro 12, non importa).Amelia, Michela, hospitalere de Granon, grazie;cicogne amiche che dal campanile di Najerae in tutta la Castiglia ci tenete compagnia, grazie;Ernesto, massaggiatore, pellegrino, vagante hospitalero e Pepe con vinile italiano anni 60e lepre della campagna castigliana curiosa e timidae le farfalle dell'Alto della Pedrajasfiorano tremolanti cespugli d'ericae la fuente de Mojapan fresca e brillantesotto il sole del 28 luglioGrazie.

di silvana il 28 lug 2008, 15:57 Grazie Ezio,grazie per questi racconti che mi aiutano a superare questo momento un pò così..Un grande buen caminoSilvanadi sandro il 28 lug 2008, 22:24 Ma mi raccomando risparmia le forze per il prossimo cammino!Se le cose andranno come devono andare... prima dei 60 si fà un po' di strada insieme...Un po' ho detto...un abbraccio Sandro e Pia

di follefolletto il 29 lug 2008, 17:50 E' strano non conoscere una persona eppure sapere esattamente (o quasi) quali sono le sue emozioni, i suoi pensieri.Buon cammino, sCONOSCIUTO pellegrino.Per i pellegrini che non ti superano ma che arrivano prima, e che hanno lo zainetto e le scarpine pulite c'e' un termine che abbiamo coniato: "Pellegrini de my botas!"ciaoff

di Edo il 29 lug 2008, 19:08 Grazie Ezio, leggerti è come percorrere i tuoi passi. Continua a raccontare per noi che stiamo qui ad aspettare notizie.... Buon Cammino Edodi Nazario il 30 lug 2008, 14:09 Ezio, grazie anche da parte mia ... Quest'anno non ho potuto camminare ma leggere di te ed il contributo che ci hanno regalato chi ti ha preceduto aiuta e non poco a vincere la malinconia Un abbraccio Nazario

Ezio il 30 lug 2008, 16:51 30-7Proseguendo su sentieri di terra arrivo a Burgos. La vista della Cattedrale ti lascia senza fiato, veramente stupenda, dopo alcuni giorni trascorsi in piccoli paesi disabitati e ora tanta gente, negozi ecc. mi sento spaesato e confuso.E' ora di ripartire, stamane inizia l'ascesa alle meseta. Parto che e' buio, fa molto freddo e c'e' nebbia, sono solo nessuno mi segue o precede. Sono gia' tre ore che cammino in mezzo a questa nebbia con visibilita' circa 20 metri. Dove sono queste micidiali meseta? Penso di aver macinato diversi km.Alle nove improvvisamente sbuca il sole e all'istante la nebbia sparisce proprio nel giro di qualche minuto e un torrido caldo prevale. Ecco sono al centro di una meseta, sono piccolissimo, in mezzo all'infinito, in questa terra senza alberi che non finisce mai. E chi sono io?Immersa nella cupa nube di caldo e sapore di gratitudinela Cattedrale di Burgos scuote l'animo pellegrino.Attenti dietro l'angolo le mesetas invocano la presenzae devi essere pronto, l'anima guarita,quasi come a Santiago.Ecco ci siamo immerse nel grigiole mesetas sgorgono lacrime di nebbiaconsolando il traballante Crocifisso prima di San Bol.Solitario e triste.Unica compagnia un anemico papaveroe all'improvviso solo e piccolo in questa infinita terra.

di sandro il 30 lug 2008, 22:30 Finalmente partiamo anche noi! Non per Santiago naturalmente! Oggi abbiamo ricevuto tue notizie. Tieni duro!Ciao Sandro e Pia di sole il 1 ago 2008, 17:31 vola Ezio che la strada e' ancora lunga..... la mia si sta accorciando.... in negativo pero'!!ciao e buon cammino dal tuo compagno di viaggio Daniele

indietro

3/8 segue





clicca sui petali





Per poter visualizzare tutti i contenuti è necessario avere la versione attuale di Adobe Flash Player.